Mandatoriccio

Posted by in Calabria, I miei viaggi | luglio 03, 2018

Ci troviamo in una piccola località calabrese in provincia di Cosenza ed affacciata sullo Jonio, poco conosciuta ma non per questo poco bella, tranquilla e interessante per la sua storia e per il suo mare: Mandatoriccio.

breve storia

La storia di Mandatoriccio è un po’ diversa dal solito poiché sembra essere una località fondata agli inizi del diciassettesimo secolo da Teodoro Mandatoriccio proveniente da Crosia, ma è stato scoperto che già in epoca precedente era un luogo abitato e grazie ad alcuni ritrovamenti di reperti archeologici rimasti nella cittadina.
Nonostante i ritrovamenti il nome è rimasto immutato per questa simpatica località e Mandatoriccio diventa una zona fortificata con il suo castello di proprietà della famiglia omonima fino quasi alla fine del seicento per poi diventare nel tempo una università francese sotto il governo di Cariati a cui fu sottratta la limitrofa ancora più piccola località di Pietrapaola. Seppur piccola, Mandatoriccio insieme alle altre del Regno d’Italia fece la sua parte nelle vicende nazionali e storiche riprendendosi lentamente Pietrapaola agli inizi del secolo scorso.

il castello e la chiesa

Sebbene non più in piedi dalla sua costruzione che risale alla fine del quattrocento, esistono alcuni ruderi a testimonianza della sua antica esistenza con un ponte levatoio e quattro torrioni, per difesa dai Turchi così come alcuni resti delle mura megalitiche che si possono vedere intorno alla cittadina; ben visibile è il torrione ma al suo interno ora ha sede il Municipio.
Proprio attorno a questa fortezza il popolo di Mandatoriccio si stabilì e rimase a vivere in maniera più tranquilla.
La chiesa è dedicata all’Addolorata e si tratta di una costruzione mutata nel tempo, con una forma irregolare e la varietà di materiali usati per la sua edificazione dimostrano quante modifiche siano avvenute dalla sua nascita.

i vari passaggi e il terremoto

Mandatoriccio si è formato lentamente e grazie a fuggiva dai pericoli dei pirati e dalle montagne circostanti arrivava qui per vivere in tranquillità;
i vari contadini e allevatori che transitavano spesso si fermavano nella piazza principale, ora Piazza Garibaldi, o dietro la Chiesa dell’Addolorata per poi proseguire verso la Sila o verso il basso per rifocillarsi durante il cammino.
Nel 1783 un violento terremoto colpì un’ampia zona della Calabria partendo dalla Sicilia, le scosse furono molto forti e l’Italia meridionale fu colpita tanto da rimanere nella storia;
alcune località vennero distrutte e ricostruite, tra cui Mandatoriccio che si trovò a combattere anche con violenti maremoti.

il mare,

Se Mandatoriccio si trova leggermente in alto rispetto al mare, c’è da dire che la parte bassa, Mandatoriccio marina ha un mare bellissimo, di una trasparenza e incantevole limpidezza;
le sue spiagge sono di sabbia fine e chiara, molto ampie e tanto tanto lunghe. Fare il bagno in queste acque equivale a fare il bagno in piscina, tanto è chiaro questo mare.

la gente

La gente che si incontra a Mandatoriccio non è tanta, anzi diciamo che ora è rimasto attivo solo un negozio dove si trova di tutto, da Franco infatti si può acquistare dal rasoio al pane, perché è davvero l’unica attività rimasta aperta; certo non manca il bar e nemmeno la chiesa, ma il mio incontro con Franco è stato interessante.
Franco mi ha raccontato un po’ della storia del paese, di chi è andato in cerca di fortuna tanti anni fa e ancora deve tornare, di chi invece credeva di trovare di meglio fuori di lì e invece è tornato a casa; le case… ecco a Mandatoriccio ci sono tante case, alcune sembrano abitate perché hanno le imposte aperte ma invece sono vuote, e alla mia domanda curiosa Franco mi ha risposto sorridendo che è per intimorire i ladri 😉

e infine…

Infine posso dire che questo paesotto mi è piaciuto tanto, mi è piaciuto il panorama che si gode da lassù (nonostante il chiacchiericcio di sottofondo 😉 ), mi è piaciuto proprio perché è solo, perché non ha abitanti tanti quanti le case, perché ho toccato con mano cosa vuol dire rimpiangere i paesani andati via, perché seppur triste quelle poche persone anziane che sono lì salutano chiunque passi, e poi grazie a Franco ho capito che la gente, la sua gente, gli manca e nonostante ciò il sorriso non gli è mai mancato.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.