Diamante

Posted by in Calabria, I miei viaggi | Settembre 30, 2013

Questo è quanto si legge entrando a Diamante, un paesino a ridosso del Monte  La Caccia che lentamente e dolcemente scende sul Mar Tirreno e non è niente male come inizio:

diamante-murales1

per tacer dell’accoglienza che si respira tra gli abitanti, tutti sempre con il sorriso, disponibili al dialogo, al caffè, insomma… un altro modo di vivere, di pensare…
un modo che a me ha fatto innamorare dalla prima volta, nonostante non fosse stagione balneare; già perché era nel mese di marzo mi sembra.

non solo murales a Diamante

A Diamante ovviamente non troviamo solo  murales, perché girando in paese, si possono osservare dei mosaici stupendi che nonostante il tempo hanno ancora i colori smaglianti originali, ce n’è uno dedicato all’Immacolata Concezione che parla da solo, è su una facciata di un palazzetto d’epoca e sta lì da sempre, non si può mancare di andare a trovarla quando si viene a Diamante, è lì che aspetta e secondo me dona la sua benedizione in silenzio;
inoltre troviamo anche vari dipinti, altri murales più o meno grandi, che raffigurano storie di vita vissuta, oppure raccomandazioni ai passanti o magari ninne nanne… narrate da nonne a nipotini in attesa del sonno ristoratore.

l’Immacolata tra le onde

Se in un vicolo possiamo ammirare il mosaico dell’Immacolata, in un altro invece possiamo leggere la storia di Diamante e della sua Immacolata Concezione che approdò qui in balia delle onde: si narra che l’allora Principe Carafa Tiberio, abbastanza magnanimo nonostante l’epoca, fece costruire a proprie spese una chiesa, essendone in quel momento sprovvisto il paese; commissionò ad uno scultore toscano la statua della Madonna che fu portata fin a Diamante in nave, ma un mare molto mosso fece sparire il bastimento e ciò che si salvò fu solo e proprio la Statua, vero o no che sia, la storia narrata su uno dei muri è proprio questa.

e il peperoncino festival!

Una ricorrenza annuale nel mese di settembre è il Festival del Peperoncino, vera e propria manifestazione mondiale, essendo qui la Terra Madre di questo speciale frutto più o meno rosso, al cui richiamo rispondono da tutto il mondo, anche perché in questo Festival, organizzato dall’omonima associazione avviene la famosa gara, a cui io non sarei mai in grado di partecipare;
ma oltre ad essa, non è raro vedere di fianco ai bicchieri di cocktail, tra salatini e noccioline, piattini di peperoncini ad uso di chi beve un aperitivo prima del pranzo o della cena;
e poi… ogni sabato mattina si svolge il mercato, un gran bel mercato alimentare e non, che inizia sul lungomare e finisce sulle rive del fiume Corvino.
Per quello che mi riguarda faccio in modo di non mancare mai perché l’atmosfera piccante, gioiosa e divertente è troppo attraente ed unica; ma questa è solo una scusa, il vero motivo per cui non manco è perché amo Diamante con tutta me stessa.

La tranquillità dopo la festa la si trova in un’area di sosta che ormai conosciamo fin troppo bene, gestita da Gabriele e Laura; non si può pretendere di trovarla silenziosa in alta stagione né io ve lo dico, ma a settembre va più che bene;
qui si gode del mare in maniera meravigliosa, basti pensare che il dolce rumore del mare fa addormentare pian piano… per poi svegliarsi così:

 

 

 

 Che dite? facciamo un salto a Diamante? 😉

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.